D.i.Re chiede alla Rai una informazione corretta sul lavoro dei centri antiviolenza

dire-logoCon una lettera aperta al Direttore di Rai Uno, alla curatrice del programma, alla produttrice esecutiva e ai conduttori Cristina Parodi e Marco Liorni della trasmissione La Vita in Diretta, l’Associazione D.i.Re Donne In Rete contro la violenza, di cui fa parte anche l’Associazione Pronto Donna, chiede che ci sia una più corretta informazione da parte del servizio pubblico sugli interventi e le azioni dei centri antiviolenza.

Questo a seguito di un servizio trasmesso su Rai Uno a La Vita in Diretta nel quale di parlava di femminicidio e non ben specificati “centri di accoglienza” per le donne vittime di violenza, presentati come luoghi “burocratici” dove le vittime non possono trovare risposte quando chiedono aiuto. Nell’inchiesta non è stato chiaro di quali luoghi si parlasse e la parzialità dell’informazione rischia di gettare discredito sui centri antiviolenza che in Italia, da oltre vent’anni, offrono risposte concrete alle donne vittime di violenza.

Leggi la lettera aperta di D.i.Re a Rai Uno (.pdf)

Leggi la notizia sul sito di D.i.Re

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi