Pronto Donna e i suoi 30 anni: la conferenza stampa in Comune

Venerdì 1 febbraio, alle 11, la presidente di Pronto Donna Loretta Gianni ha tenuto una conferenza stampa nella Sala Rosa del Comune di Arezzo in rappresentanza del Cav.

L’obiettivo è stato presentare il ricco programma di eventi e la campagna di sensibilizzazione per festeggiare i 30 anni di attività della nostra associazione, nata nel 1989.

Qui sotto il comunicato stampa.

 

Pronto Donna compie 30 anni: un traguardo importante che il Centro Antiviolenza vuole festeggiare con una serie di eventi e una campagna di sensibilizzazione

 Dal 27 gennaio al 29 marzo 2019, due mesi di iniziative sono l’impegno della nostra associazione per rendere la cittadinanza più consapevole sul fenomeno della violenza di genere. Un tema riassunto nelle immagini della campagna “Se non ne parli, non lo saprà mai nessuno”

 

Nel 2019 l’Associazione Pronto Donna Onlus, il Centro Antiviolenza di Arezzo, raggiunge 30 anni di attività. Per celebrare questa ricorrenza, il Cav ha deciso di puntare su un fitto calendario di eventi aperti al pubblico: tutte occasioni per parlare di violenza di genere e di tutte le possibilità che i Centri Antiviolenza – insieme alla rete di istituzioni e altri soggetti con cui anche Pronto Donna collabora attivamente – forniscono alle donne che ne sono vittime.

«Sono onorata di rappresentare il Centro Antiviolenza in questo importante traguardo» commenta la presidente di Pronto DonnaLoretta Gianni. «Trent’anni di presenza sul territorio aretino che diventano un punto di partenza per nuovi orizzonti e obiettivi. Primo fra tutti il cambiamento culturale. Per questo abbiamo previsto una serie di incontri rivolti alla cittadinanza, soprattutto ai giovani, uomini e donne. Il futuro della nostra società è nelle loro mani».

Un’agenda che occupa quasi due mesi esatti (dal 27 gennaio al 29 marzo 2019) ma che nel corso dell’anno potrebbe arricchirsi di altri appuntamenti. Il programma completo è stato anticipato venerdì 1 febbraio, durante la conferenza stampa che si è tenuta nella Sala Rosa del Comune di Arezzo alle 11. Il Torneo di Burraco di beneficenza, organizzato in collaborazione con il Circolo Tennis Giotto Arezzo, ha radunato nel pomeriggio di domenica 27 gennaio più di 100 persone e si è concluso con una donazione di 1000 euro a Pronto Donna: una cifra che utilizzeremo per migliorare i servizi di assistenza e supporto alle utenti che si rivolgono al nostro Cav.

Febbraio

La lista prosegue con l’incontro in programma per sabato 9 febbraio, ore 17, presso La Feltrinelli Point di Arezzo (via Garibaldi 107). Il Centro Antiviolenza di Arezzo compie 30 anni: passato, presente, futuro: questo il titolo dell’incontro che vedrà la partecipazione di Antonella Palladino, presidente di D.i.Re Donne in Rete contro la violenza – coordinamento nazionale dei Cav –, insieme alla socia fondatrice di Pronto Donna Franca Primi e alla presidente Loretta Gianni. Un pomeriggio che dedicheremo a un excursus storico sul tema della violenza di genere, per valutare i passi in avanti già compiuti e quanto ancora c’è da fare per abbattere gli stereotipi di genere. Sempre La Feltrinelli Point farà da location all’evento Pronto Donna & Liria: emancipazione femminile e soffitto di cristallo, preparato a quattro mani con l’associazione Liria per domenica 17 febbraio, ore 17.

Marzo

Dopo una breve pausa, sabato 2 marzo Pronto Donna invita la comunità aretina alla presentazione del libro Giochi di mano, scritto da Manuela Lunati e edito da Rai Eri (La Feltrinelli Point, ore 17). Sabato 9 marzo: dalla libreria di via Garibaldi ci spostiamo al Teatro Vasariano, dove alle 17:30 comincerà il concerto del Siena Viola Ensemble dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Rinaldo Franci” di Siena. Diretta dal Maestro Carmelo Giallombardo, l’orchestra si esibirà nell’interpretazione di musiche di Bach, Beethoven e Respighi. La mattina di mercoledì 20 marzo, dalle 10 alle 13, appuntamento alla sede del Dopolavoro Ferroviario di Arezzo per l’incontro Violenza di genere: come riconoscerla e strumenti di tutela. Infine, ultimo ma non per importanza, venerdì 29 marzo, ore 17, Pronto Donna tornerà a La Feltrinelli Point, per assistere a una seconda presentazione#Metoo, il libro di Maria Chiara Risoldi, presidente della Casa delle Donne di Bologna.

La campagna

Accanto agi eventi, Pronto Donna presenta una campagna di sensibilizzazione tramite cartellonistica e volantini, oltre che via web e social network. Il materiale sarà affisso alle bacheche pubbliche di Arezzo per 15 giorni a partire dall’8 febbraio. “Se non ne parli, non lo saprà mai nessuno” è lo slogan scelto per dare voce al lavoro e alla mission di Pronto Donna. La campagna si rivolge a:

–       uomini, che consideriamo gli interlocutori indispensabili per il cambiamento culturale

–       donne che sono state in passato vittime e oggi sono riuscite a uscire dal ciclo della violenza

–       donne che vivono una situazione violenta e non hanno ancora trovato il coraggio di parlare

La storia di Pronto Donna

L’associazione Pronto Donna nasce l’8 febbraio 1989, con l’intento di fornire una linea di ascolto telefonico per le donne vittime di violenza. Con l’istituzione dei Centri Antiviolenza (legge n. 66 del 15 febbraio 1977), l’associazione si accredita tramite la Provincia di Arezzo e dal 1977 diviene Centro Antiviolenza. In quegli anni nasce l’esigenza di uniformare le metodologie utilizzate nei Cav poiché, nel finalizzare la mission sull’abbattimento degli stereotipi culturali che sono alla base della violenza di genere, si stavano creando piccole differenze che potevano provocare nel tempo una dispersione delle risorse. Il 29 settembre 2008 Pronto Donna è socia fondatrice dell’associazione nazionale D.i.Re (Donne in Rete contro la violenza), che oggi raccoglie circa 80 Cav in tutta Italia.

Il nostro lavoro e i dati

Il principio di base su cui si fonda la metodologia dei Cav è l’empowerment della donna in modo da attivare le sue risorse interne.

Le principali attività che svolgiamo sono:

  1. risposta telefonica – collegamento col numero nazionale antiviolenza e stalking 1522gratuito e attivo h24
  2. accoglienza delle donne vittime di violenza e figli minori
  3. accoglienza delle donne vittime di tratta: la normativa prevede la possibilità di rilascio di uno speciale permesso di soggiorno allo straniero sottoposto a violenza o a grave sfruttamento, quando vi sia pericolo per la sua incolumità per effetto del tentativo di sottrarsi ai condizionamenti di un’associazione criminale o delle dichiarazioni rese in un procedimento penale
  4. 6 sportelli di ascolto: 5 Sportelli Ascolto Donna (SAD) dove le operatrici del Centro Antiviolenza fungono da antenne nel territorio e, qualora intercettino casi di violenza di genere, invitano le donne ad iniziare il percorso di fuoriuscita dalla violenza al Cav di Arezzo (n.1 Valtiberina, Unione dei Comuni; n.1 Valdichiana; n.1 Valdarno; n.1 Casentino, USL sud est – Consultori familiari; n.2 Arezzo, Pari Opportunità Provincia di Arezzo). In più, gestiamo un ulteriore sportello dedicato al “drop in” per le vittime di tratta
  5. colloqui periodici con le operatrici atti all’individuazione di un progetto di fuoriuscita dalla violenza
  6. consulenze psicologiche e legali
  7. gruppo di mutuo-auto aiuto
  8. formazione
  9. sensibilizzazione e prevenzione
  10. raccolta ed elaborazione dati
  11. orientamento e accompagnamento al lavoro
  12. raccolta materiale bibliografico e documentari sul tema della violenza sulle donne
  13. casa rifugio a indirizzo segreto per la protezione delle donne a rischio vita, anche accompagnate da figli minori
  14. casa di accoglienza per donne vittime di tratta
  15. case di seconda accoglienza
  16. intervento in h72

 

La violenza contro le donne è una violazione dei diritti umani. Si manifesta in diverse modalità: violenza fisica, sessuale, psicologica, economica, atti persecutori e stalking ecc. In Italia una donna su tre è vittima di violenza. Nel 2017 sono state 226 le donne che si sono rivolte al nostro Cav. Questo numero nel 2018 è aumentato, arrivando a un totale di 303 donne che sono state nostre utenti lo scorso anno.

Info Pronto Donna: www.prontodonna.it – pagina Facebook Pronto Donna

Contatti Pronto Donna: 0575. 35 50 53 – info@prontodonna.it

Contatti stampa: Bianca Sestini, sestinibianca@gmail.com

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi